E.merliLincontro70x60cm2019

PriamArt 2019

Savona - Fortezza del Priamàrt Corso Mazzini,1, Savona
Sto caricando la mappa ....

Quando
09/11/2019 - 23/11/2019
ora 10:30 - 18:00

Dove
Savona - Fortezza del Priamàrt

Categorie

PriamArt 2019

15 artisti alla Fortezza

Savona – Fortezza del Priamàr – Palazzo del Commissario

Da sabato 9 a sabato 23 novembre torna PriamArt, rassegna artistica che espone nel Palazzo del Commissario le opere di Giorgio Angelini, Aurora Bafico, Paola Bradamante, Gianni Carrea, Mariagiovanna Figoli, Teresa Fior, Corrado Leoni, Pier Giorgio Leva, Michela Manfredi, Ely Martini, Enrico Merli, Patrizia Targani Iachino, Ondina Unida, Agnese Valle e Balàzs Berzsenyi. L’ottava edizionedi PriamArt, curata da Luciano Caprile, è organizzata da EventidAmare e dall’associazione culturale Liguria-Ungheria.

«Dopo sette edizioni realizzate all’interno delle Cellette – racconta Pietro Bellantone, Presidente delle Associazioni Culturali EventidAmare e Liguria-Ungheria – PriamArt torna all’interno del forte savonese, nel bellissimo Palazzo del Commissario. Uno spazio espositivo prestigioso, dove i visitatori possono ammirare le opere di quindici artisti di assoluto valore, dai molteplici stili pittoricie scultorei». L’ottava edizione di PriamArt inaugura sabato 9 novembre alle ore 16, con il curatore Luciano Caprile che, dopo gli interventi di Pietro Bellantone, Giuseppe M. Giacomini e dell’assessore alla Cultura del Comune di Savona Doriana Rodino, spiega nel dettaglio i lavori degli artisti partecipanti. «Dall’alto della celebre fortezza che domina il mare e la città di Savona – aggiunge Luciano Caprile – esponiamo i lavori di alcuni tra i più interessanti artisti che operano nel nostro territorio: dai paesaggi misteriosi di Aurora Bafico all’articolato complesso scultoreo di Balàzs Berzsenyi, realizzato con l’utilizzo di acciaio inox, ottone, bronzo e marmo».

L’ottava edizione di PriamArt inaugura sabato 9 novembre nel Salone della Sibilla in presenza del curatore Luciano Caprile, dell’assessore alla Cultura del Comune di Savona Doriana Rodino e di Giuseppe M. Giacomini, Console Onorario di Ungheria per la Liguria. « PriamArt è una rilevante iniziativa culturale e artistica – evidenzia Doriana Rodino, assessore alla Cultura del Comune di Savona – che è divenuta un’occasione immancabile nel programma di manifestazioni che ogni anno la Città di Savona offre ai visitatori, residenti e turisti. Un incontro che ogni anno propone le opere di artisti, soprattutto liguri, d’importante levatura, mentre negli anni scorsi abbiamo avuto l’onore di ospitare nelle otto “Cellette” lavori di grandissimi Maestri come Giannetto Fieschi, Flavio Costantini, Aurelio Caminati e Luciano Caviglia e importantissimi critici come Germano Beringheli, Daniele Grosso Ferrando, Stefano Bigazzi e Luciano Caprile. E proprio Luciano Caprile, che ha curato o collaborato anche in mostre pubbliche di Carlo Carrà, Renato Guttuso, Arnaldo Pomodoro, Giorgio De Chirico, Fernando Botero, curerà l’esposizione PriamArt 2019».

L’esposizione è aperta fino al 23 novembre, tutti i giorni, dalle 10.30 alle ore 18.00. L’ingresso è gratuito. «La mostra PriamArt 2019, rappresenta per Savona un appuntamento con l’arte di consolidato interesse e notevole pregio – osserva Antonio Cananà, Prefetto di Savona – Come per gli scorsi anni, l’evento, che si svolgerà nella splendida cornice del complesso monumentale del Priamàr, offrirà l’occasione ai cittadini della provincia, ma anche ai turisti che visiteranno la città di Savona, per apprezzare e approfondire le diverse espressioni pittoriche degli artisti partecipanti». Giuseppe M. Giacomini, Console Onorario di Ungheria per la Liguria, conclude: «sono orgoglioso di aver sempre sostenuto questa manifestazione del PriamArt e di averla vista crescere negli anni con la presenza di artisti ungheresi affiancati alle eccellenze italiane. Savona è una città che da anni ha intrapreso un percorso di crescita economica e culturale importante e la comunità ungherese, una delle più attive sul territorio ligure, ha sempre saputo e voluto collaborare ad esso».

(Enrico Merli, L’incontro, olio su tela70x60cm, 2019

Open chat