Fino all’urdemo suspiro

Mappa non disponibile

Quando
17/02/2017
ora 22:00 - 23:59

Categorie

DOLORES MELODIA

Voce che al cor gentil ratto s’apprende…

così è stata definita dai suoi fans più sfegatati, la nuova rivelazione canora partenopea, Dolores Melodia.

Napoletana del rione Sanità, la Posteggiatrice Chic ha navigato con la sua barchetta a vela degli anni settanta, per gran parte della sua vita, esibendosi con la fisarmonica, nei ristoranti dei porti e delle isole. Qualcuno dice che da giovane fosse una spogliarellista intelligente, altri giurano d’averla incontrata (vestita) nelle aule del conservatorio di Avellino ai tempi del terremoto.

Un alone di mistero avvolge il passato ed il percorso artistico della struggente cantante che oggi deve la sua notorietà alla regista Antonella Monetti che ha intuito in lei una corda vocale più teatrale e l’ha lanciata nello spettacolo ‘E feste ammare, tratto da opere di Raffaele Viviani.

Il suo repertorio, prevalentemente teatrale, spazia dal Pisano-Cioffi al Viviani, alla canzone napoletana classica e di giacca, prevedendo persino qualche incursione nello stile neomelodico.

Antonella Monetti: Voce e Fisarmonica

Antonella Monetti, napoletana, attrice, cantante, regista (velista), dopo conservatorio e scuola di ballo, ha iniziato il suo percorso artistico come allieva della Bottega teatrale di Firenze diretta da Vittorio Gassmann nei lontani anni ottanta. (di quel periodo sono anche le sue principali partecipazioni come soubrette a programmi di RAI 3 come “Avanspettacolo” e “magazine 3 il meglio di RAI 3.)

Poi anni e anni di lavoro: Teatro, Cabaret, Cinema, Doppiaggio, Televisione, …

Dal 2011 partecipa al Napoli teatro festival dando vita a progetti che mettono in connessione il mare col teatro e la musica; il primo,  OTELLO E IAGO VIAGGIO IN MARE, liberamente tratto dall’Otello di Shakespeare, conduceva gli spettatori in un giro in barca sotto il comando dell’ammiraglio Otello, il secondo, nel 2012, ‘E FESTE A MARE antologia di opere musicali di Raffaele Viviani, vedeva il pubblico in spiaggia e gli attori su pontili e barchette.